Imparare a lasciare andare il passato è il segreto per vivere meglio

Il passato ti tiene incatenato alla sofferenza? Scopri come lasciare andare le situazioni dolorose grazie a questi utili consigli.

Imparare a lasciare andare il passato
0 23

“Lasciare andare non significa liberarsi di qualcosa. Lasciare andare significa essere. Quando lasciamo andare con il perdone, le cose vanno e vengono da sole”Jack Kornfield. Tenere stretti a sé il dolore non aggiusta nulla, è totalmente controproducente. Ripercorrere il passato più e più volte non lo cambierà di certo; desiderare intensamente che le situazioni siano diverse, non renderà reale la speranza. In alcuni casi, soprattutto quando parliamo del passato, tutto ciò che possiamo fare è accettarlo per ciò che è stato, evitando di trattenendo, per poi lasciarlo andare. Ecco come tutto cambia. Devi lasciare andare quello che ti fa male, anche se potrebbe apparirti quasi impossibile. Imparare a lasciare andare è il segreto per vivere meglio.

Decidere di aggrapparti al passato ostacolerà il progresso della tua evoluzione personale, una caratteristica che non è definita da ciò che è stato, piuttosto da chi vuoi veramente essere nella vita. Sembra assurdo, eppure i sentimenti dolorosi possono donare un’illusoria sensazione di comfort, soprattutto se sono tutto ciò che hai.  Alcune persone provano estrema difficoltà nel lasciare andare il dolore o altre spiacevoli emozioni riguardanti il passato. Ciò accade perché non di rado pensiamo che quei sentimenti facciano parte della nostra identità. Perdere il dolore potrebbe farci sentire smarriti, temiamo di non sapere chi siamo senza la nostra sofferenza. Ecco perché fatichiamo a lasciarla andare.

Come imparare a lasciare andare il passato in 12 passaggi

Se hai difficoltà a lasciare andare il passato, una cattiva relazione, il rancore, la rabbia e via dicendo, questi 12 suggerimenti potrebbero aiutarti:

1. Accetta le relazioni per quello che sono, non per ciò che speravi potessero essere

Dobbiamo accettare la persona che siamo in questo preciso momento della nostra vita, tollerando di conseguenza il modo di essere di chi ci circonda. Con il passare del tempo, impariamo che spesso le cose non vanno come avremmo voluto. Eppure continuiamo ad impuntarci, lamentandoci insoddisfatti. Impegnati a divenire consapevole della situazione, se accetti te stesso e gli altri, le tue relazioni miglioreranno inevitabilmente. Gratitudine, apprezzamento e fiducia sono le parole d’ordine.

2. Non esagerare con le aspettative riguardanti i comportamenti degli altri, potresti restare deluso

Le aspettative hanno la capacità di tenerci bloccati, poiché ci portano a temere alcuni risultati indesiderati. Non esistono garanzie nella vita, non c’è nulla che possiamo davvero fare per ottenere ciò che speriamo quando trattiamo con gli altri. Le situazioni non dipendono esclusivamente da noi se abbiamo a che fare con altre persone. Quando aspettative ed esigenze non vengono soddisfatte, dobbiamo impegnarci a ragionare razionalmente, nel modo più appropriato. A volte questo significa anche imparare a lasciare andare il passato.

3. Non vivere incatenato se possiedi le chiavi della libertà, sbarazzati delle convinzioni autolimitanti che non ti permettono di esprimere la tua personalità.

Spesso pensiamo: “Non potrei mai farlo!” oppure “Non accadrà mai!” Se ci credi davvero, non realizzerai i tuoi obiettivi. Apri la tua mente e credi in te stesso, abolisci la parola MAI dal tuo vocabolario. Ci saranno molte persone che ti diranno che: “Non puoi farlo”. Sta a te dimostrare il contrario!.

4. Lascia andare la convinzione di poter controllare le azioni degli altri. Il controllo esiste solo su te stesso e sulle tue azioni

Non puoi cambiare un’altra persona, non accadrà, è inutile impuntarsi. Non sprecare tempo ed energie per compiere una missione impossibile. Questo è uno dei più grandi motivi che spinge le persone ad attuare comportamenti inutili, come la necessità di compiacere per esempio. Ti capita mai di pensare: “Se faccio felici gli altri, loro non si arrabbieranno mai con me”? Sbagliato!

5. Preoccupati solo di ciò che pensi di te stesso.

Liberati dal sentirti intrappolato dalla paura di ciò che pensano gli altri di te. Inizia a dare la priorità a come ti senti tu. Come disse il Mahatma Gandhi: “La felicità è quando ciò che pensi, ciò che dici e ciò che fai sono in armonia”. Non puoi vivere secondo i tuoi valori se stai vivendo per ottenere l’approvazione degli altri.

Imparare a lasciare andare il passato è il segreto per vivere meglio
Lascia andare il passato

6. Lascia spazio agli errori. Sbagliare è umano e fisiologico!

Hai fatto un errore o hai detto qualcosa di inappropriato? Va bene! Usa l’esperienza per imparare a fare meglio la prossima volta, ridici sopra. Non apparirai stupido se dirai qualcosa di sciocco: ciò ti renderò umano, a volte anche divertente.

7. Accetta ciò che non puoi cambiare.

Smetti di desiderare che le cose possano sistemarsi, tornare come prima. Non accadrà, ti farai solo del male. Vivi il presente, qui ed ora. Questo è dove la vita accade, non lasciarti scappare le cose belle mentre sei impegnato a tormentarti sul passato, non puoi cambiarlo! Le decisioni che puoi prendere oggi, serviranno a migliorare il futuro, concentrati su questo.

8. Non prenderti troppo sul serio.

Questo ti permetterà di rilassarti e goderti il ​​viaggio della vita. Ridi con te stesso e di te stesso, vivrai le situazioni stressanti con meno ansia da prestazione. Impara a non essere troppo duro, riconosci i meriti che ti spettano!

9. Fai ciò che ti spaventa.

La paura ci trattiene dal fare un sacco di cose, chiude le nostre menti a nuove possibilità utili per il futuro. La vita vera comincia oltre la zona di comfort, spicca il volo e provaci! La maggior parte delle paure ci riempiono di dubbi e di domande simili a: “Cosa accadrebbe se?” imprigionandoci giorno dopo giorno. I SE e i MA non ti porteranno da nessuna parte, più ti impegnerai ad oltrepassare la zona di comfort, più la paura diminuirà. Fai ciò che ti spaventa nella vita, concretizza quello che ti piacerebbe fare anche se pensi di non avere il coraggio sufficiente, crescerai migliorandoti e avrai successo!

10. Esprimi ciò che è giusto per te.

Fai sentire la tua voce al mondo e condividi con gli altri ciò che pensi e senti veramente. Se comunichi con costanza quello che ti fa stare bene e quello che invece non accetti, non dovrai più soffocare le emozioni in un angolo remoto del tuo cuore. Esprimersi è una parte importante del sentirsi bene con sé stessi, migliorando la qualità delle relazioni.

11. Consenti a te stesso di provare anche le emozioni negative.

Se hai perso una persona amata attraverso un lutto o una rottura sentimentale, onora la tua perdita. Cercare di ignorare le emozioni negative moltiplicherà la sofferenza. La perdita è difficile da spiegare, il cervello non riesce ad accettarla, questa sensazione ci manda il tilt. E’ giusto permettere a te stesso di essere triste, di soffrire, di piangere e di sfogarti. Non temere di star male. Passa attraverso il processo del dolore, solo così avrai la chance che meriti per andare avanti, per quanto difficile potrà apparirti.

12. Impara a perdonare.

Il risentimento e la riluttanza a perdonare ti terranno incatenato al passato, impedendoti di andare avanti con la tua vita. Ricorda: quando perdoni, non lo fai per l’altra persona; lo stai facendo per te stesso. Impara a lasciare andare perdonando. Jarl disse: “Non sono quello che mi è successo, sono ciò che scelgo di diventare”. Questa è una grande lezione per tutti noi: provare a lasciare andare qualunque cosa ci stia trattenendo dall’andare avanti, non farà altro che migliorare la qualità della vita. Non sei il tuo dolore, il tuo passato o le tue emozioni. Sono le idee negative che abbiamo su noi stessi, l’autolesionismo e le paure che ci impediscono di essere chi davvero vorremmo essere. Imparare a lasciarsi andare richiede un forte senso del sé, che ti darà la possibilità di imparare e crescere grazie alle tue esperienze di vita.

Commenti
Loading...