I rimedi naturali per trattare le cicatrici

A seconda di dove si trovino, le cicatrici possono essere antiestetiche. Ecco alcuni rimedi naturali per trattarle nel migliore dei modi.

L'olio essenziale di lavanda è un toccasana per curare le cicatrici.
0 39

Sfido chiunque a non avere almeno una cicatrice in tutto il corpo. Accade frequentemente che, a causa di cure inadeguate o addirittura inesistenti, il processo di cicatrizzazione di una banale ferita possa rallentare, lasciando sulla pelle segni che possono risultare antiestetici, in particolare se si trovano su aree esposte del corpo come viso o addome. Forse non lo sapevate ma la velocità con cui si formano le cicatrici sulla pelle oltre a dipendere dalla grandezza e dalla profondità della ferita, è diversa di persona in persona: cambia a seconda del tipo di pelle. Quindi per assicurarci che il processo di guarigione proceda senza intoppi, è fondamentale sapere come si cura una ferita.

Quindi sia che provengano dall’acne, da una semplice ferita o dal post intervento chirugico, non dovrete preoccuparvi, ecco infatti alcuni rimedi che possono favorire il processo di cicatrizzazione della pelle.

 

cicatrici

 

L’aloe vera, un antinfiammatorio naturale

Utilizzata da secoli per le sue incredibili proprietà benefiche, uno dei poteri più importanti dell’aloe vera è quello di essere un antinfiammatorio naturale. Infatti, il gel che viene ricavato da questa pianta è in grado da una parte di rimuovere le cellule morte della pelle, mentre dall’altra di stimolare la rigenerazione cellulare.

Il gel di aloe vera assicura proprietà lenitive e decongestionanti che permettono di ridurre i gonfiori, favorendo il risanamento delle cellule epiteliali, precedentemente danneggiate, andando anche a potenziarle. Si tratta di un gel che può essere acquistato con facilità nei supermercati, direttamente in erboristeria oppure online: deve essere applicato e massaggiato con movimenti circolari sulla cicatrice più volte durante la giornata, lasciando in posa ogni volta 30 minuti. Magari avete già in casa questa incredibile pianta, non dovrete fare altro che tagliarne una foglia e ricavarne il succo.

 

cicatrici

 

Il composto a base di succo di limone e miele

Il succo del limone è fonte di alfa idrossiacidi (chiamati anche acidi della frutta) che contribuiscono ad eliminare le cellule ormai morte che si depositano sullo strato superficiale dell’epidermide. Il miele assicura un’azione lenitiva ed idratante. Si tratta perciò di due ingredienti naturali che consentono di schiarire le cicatrici già esistenti, tonificando al contempo la pelle stessa.

La soluzione ideale è quella di realizzare un composto a base di miele e limone che abbia una consistenza semi liquida. Prima di spalmarlo sulla zona interessata, bisogna accertarsi di avere la cicatrice e l’intera zona pulite bene. Una volta applicato, lasciate agire il composto per 10 minuti prima di andare a sciacquare la zona: questo passaggio è importante perché un effetto del limone potrebbe essere quello di irritare la pelle, rendendola sensibile ai raggi del sole. Quindi, dopo aver utilizzato questo composto, bisogna applicare anche una crema solare sulla cicatrice proteggendola dai raggi UV.

 

cicatrici

L’amla, ricca di vitamina C

L’uva spina indiana, nota con il nome di amla, è un frutto particolarmente ricco di vitamina C. In commercio, è possibile trovarla sotto forma di polvere, proveniente direttamente dal frutto di questa pianta dell’India. Oltre ad essere apprezzata per le sue proprietà dalle donne indiane nella cura dei capelli, l’amla grazie all’elevata presenza di vitamina C è molto utile anche nel caso delle cicatrici. Rigenera le cellule della pelle grazie ad un’azione esfoliante.

Inoltre è ancora più efficace se viene applicata subito su un’area guarita da poco, poiché blocca sul nascere la formazione del tessuto cicatriziale. Se volete ricorrere a questo rimedio naturale, basterà mescolare la polvere di amla con un po’ di acqua o in alternativa con dell’olio di oliva, fino a che non avremo ottenuto un composto abbastanza denso. A questo punto dovremo soltanto applicarlo sulla cicatrice, massaggiando per bene.

 

cicatrici

 

L’olio di oliva, fonte di vitamine E e K

Tra gli oli più facilmente reperibili all’interno di ogni cucina, l’olio di oliva è uno dei più adatti a trattare le cicatrici, grazie alla ricchezza di vitamine E e K e ad una dose di antiossidanti. Si tratta inoltre di un olio che aiuta a schiarire le cicatrici, rendendole meno appariscenti.

Per utilizzarlo, basterà massaggiarlo con cura sulla zona interessata per un lasso di tempo di almeno 5 minuti, lasciando in posa quanto più tempo possibile. Dato che l’olio di oliva è abbastanza denso, ci vorrà del tempo prima che si assorba completamente: quindi bisognerà sciacquare diverse volte la pelle.

 

cicatrici

Gli oli essenziali

Gli oli essenziali favoriscono il rinnovamento delle cellule. Due dei più indicati, sono l’olio essenziale di lavanda e quello di sandalo, dotati entrambi di proprietà con cui è possibile rigenerare la cute. Massaggiando la zona interessata con un po’ di olio essenziale consentirà di affievolire nel tempo la cicatrice.

Un altro tipo di olio essenziale particolarmente raccomandato è quello di Geranio, caratterizzato da proprietà antisettiche, emostatiche e cicatrizzanti. Il consiglio è di diluire una quantità tra l’1% e il 3% in un olio vegetale, come ad esempio l’olio di mandorla o ancor meglio quello di calendula.

Commenti
Loading...