Differenze tra latte di Mandorla, Soia, Riso e Cocco. Quale scegliere?

Il latte vegetale è una sana alternativa ai prodotti animali, rispetta il nostro corpo e ogni essere vivente. Quale scegliere tra i tanti? Quali sono le varie differenze?

Differenze tra latte di Mandorla, Soia, Riso e Cocco. Quale scegliere?Differenze tra latte di Mandorla, Soia, Riso e Cocco.
0 35

Fino a non molto tempo fa, l’unica bevanda disponibile dove poter affogare i tuoi cereali, era il classico latte animale intero. Ora il latte vaccino è disponibile in numerose varianti: latte intero, 2 percento, 1 percento, scremato (senza grassi) e persino latte senza lattosio. Chi è soggetto a problemi dietetici o allergie, può addirittura scegliere tra eccellenti alternative vegetali come: mandorla, soia, riso e latte di cocco. Ogni tipo di latte possiede vantaggi e svantaggi, da valutare a seconda della dieta, salute, esigenze nutrizionali e preferenze di gusto personale del consumatore. I bambini di età superiore ai due anni necessitano per esempio di proteine, vitamina D e calcio. Questi elementi risultano abbondanti nel latte vaccino. D’altra parte, chi tiene a bada i grassi saturi per problemi di peso o salute al cuore, dovrebbe scegliere le alternative vegetali. Come individuare quale tipo di latte si adatta meglio alle tue esigenze? Quali sono le differenze tra latte di Mandorla, Soia, Riso e Cocco?

Le alternative al latte di Mucca: Mandorla, Soia, Riso e Cocco

Una tazza di latte intero di mucca contiene circa:

  • 150 calorie
  • 12 grammi di carboidrati sotto forma di lattosio (zucchero del latte)
  • 8 grammi di grasso
  • 8 grammi di proteine
  • Nessuno dei componenti naturali del latte viene rimosso. Ciò significa che il latte intero è ricco di proteine ​​naturali, grassi e calcio. Il latte venduto è spesso arricchito da vitamina A e vitamina D.

Il latte intero fornisce proteine ​​essenziali, calorie in eccesso dai grassi, vitamine e minerali utili a neonati e anziani. Sono inoltre disponibili le versioni prive di lattosio per i soggetti intolleranti. Il latte vaccino, comprese le opzioni pastorizzate, è ampiamente disponibile nei negozi alimentari di tutto il mondo.

Contro del latte di mucca:

  • l’alta presenza di grassi saturi e calorie
  • le moderne pratiche di produzione lattiero-casearia. Spesso le mucche sono soggette a tremende barbarie, le preoccupazioni etiche sono più che mai sviluppate tra la popolazione, ecco perché consigliamo vivamente il consumo di latte vegetale alternativo.

Latte di mandorla

Il latte di mandorla è composto da mandorle tritate e acqua filtrata. Può inoltre contenere amidi e addensanti per migliorare la consistenza e la durata. I soggetti allergici alle mandorle o alle noci dovrebbero evitarne il consumo. Questo latte vegetale presenta un contenuto calorico inferiore rispetto agli altri tipi di latte, purché non risulti zuccherato. E’ inoltre privo di grassi saturi ed è naturalmente sprovvisto di lattosio.

Una tazza di latte di mandorle non zuccherato contiene:

  • da 30 a 60 calorie circa
  • 1 grammo di carboidrati (le varietà zuccherate ne hanno di più)
  • 3 grammi di grasso
  • 1 grammo di proteine
  • Anche se le mandorle sono una buona fonte di proteine, il latte di mandorla non ne contiene. Molte marche vendute in commercio sono infatti integrate con calcio e vitamina D.

Vantaggi del latte di mandorla:

  • È a basso contenuto di calorie e non contiene grassi saturi.
  • È una buona fonte di vitamina A.
  • È vegano e naturalmente privo di lattosio.

Contro del latte di mandorla:

  • Non è una buona fonte di proteine.
  • Può contenere carragenina, che causa problemi digestivi in ​​alcune persone.
  • Esistono alcune preoccupazioni ambientali riguardanti la quantità di acqua utilizzata per coltivare le mandorle.
Differenze tra latte di Mandorla, Soia, Riso e Cocco. Quale scegliere?
Latte Vegetale, Mandorle

Latte di soia

Il latte di soia è composto da semi di soia e acqua filtrata. Come le altre alternative di latte vegetale, può contenere addensanti utili a migliorare la consistenza e la durata del prodotto.

Una tazza di latte di soia non zuccherato contiene:

  • da 80 a 100 calorie circa
  • 4 grammi di carboidrati (le varietà zuccherate ne posseggono di più)
  • 4 grammi di grasso
  • 7 grammi di proteine
  • Poiché proviene dalle piante, il latte di soia è naturalmente privo di colesterolo e povero di grassi saturi. Non contiene lattosio.

La soia e il latte derivato sono una buona fonte di proteine, calcio (quando fortificato) e potassio. Sono inoltre disponibili in commercio varianti di latte di soia probiotico o fermentato. Questi prodotti sono altamente consigliati ai soggetti affetti da pressione alta. Consumare la soia in dosi elevate potrebbe tuttavia divenire un problema per chi soffre di malattie della tiroide o altre condizioni simili. Anche la soia è un allergene comune, se sei allergico al nutriente, evita il consumo.

Pro del latte di soia:

  • È una buona fonte di proteine, vitamina A, vitamina B-12, potassio e isoflavoni. Le versioni in commercio sono arricchite da calcio e vitamina D.
  • Possiede tutte le proteine ​​del latte vaccino, fortunatamente con un contenuto calorico nettamente inferiore.
  • Contiene pochissimo grasso saturo.

Contro del latte di soia:

  • La soia è un allergene comune per adulti e bambini.
  • Troppa soia potrebbe peggiorare la condizione degli individui soggetti a patologie tiroidee.
  • La maggior parte della soia prodotta in molte parti del mondo proviene da piante geneticamente modificate.

Latte di riso

Il latte di riso è prodotto con chicchi di riso macinati e acqua. Come ogni altra variante di latte alternativo, contiene spesso additivi utili a migliorare la consistenza e la stabilità della bevanda. E’ quasi del tutto privo di allergie, ciò lo rende una valida scelta per gli individui soggetti a intolleranze di vario genere.

Una tazza di latte di riso contiene circa:

  • 120 calorie
  • 22 grammi di carboidrati
  • 2 grammi di grasso
  • poca proteina (meno di 1 grammo)
  • Può essere artificialmente fortificato con calcio e vitamina D.

Proprio come dimostrato da numerose ricerche, il riso contiene un livello di arsenico inorganico elevato. Si consiglia quindi di non basare la propria alimentazione esclusivamente sui derivati del riso, specialmente per neonati, bambini e donne incinte.

Pro del latte di riso:

  • È il meno allergenico tra le alternative al latte.
  • Può essere fortificato e divenire una buona fonte di calcio, vitamina A e vitamina D.
  • Il latte di riso è naturalmente più dolce rispetto alle altre bevande di origine vegetale.

Contro del latte di riso:

  • È ricco di carboidrati, è quindi la scelta meno auspicabile per le persone affette da diabete.
  • Non è una buona fonte di proteine.
  • Consumare troppi prodotti derivati dal riso può divenire dannoso per la salute di neonati e bambini a causa dei livelli di arsenico inorganico contenuti nel latte.

Latte di cocco

Il latte di cocco è prodotto con acqua filtrata e crema di cocco, ottenuta dalla polpa di cocco matura grattugiata. Viene solitamente rinominato come “bevanda”, poiché si tratta di un prodotto decisamente più diluito rispetto al latte di cocco utilizzato in cucina, normalmente venduto in lattina. Anche il cocco contiene spesso addensanti e ingredienti di vario genere per migliorare la consistenza del liquido.

Questa tipologia di latte vegetale possiede più grassi rispetto alle altre alternative, una tazza (non zuccherata) contiene:

  • circa 50 calorie
  • 2 grammi di carboidrati
  • 5 grammi di grasso
  • 0 grammi di proteine
  • La bevanda al latte di cocco non contiene naturalmente calcio, vitamina A o vitamina D. Può essere tuttavia arricchita artificialmente con tali sostanze, divenendo così un alimento completo.

Negli ultimi anni i prodotti a base di cocco risultano particolarmente richiesti, in parte perché contengono trigliceridi a catena media, ovvero un tipo di grasso utile ad agevolare la perdita di peso; in altra poiché il cocco svolge effetti benefici idratanti su pelle e capelli.

Pro del latte di cocco:

  • Raramente causa allergie.
  • Può essere fortificato e divenire una buona fonte di calcio, vitamina A e vitamina D.
  • Il particolare grasso da cui è caratterizzato aiuta effettivamente a promuovere la perdita di peso.

Contro del latte di cocco:

  • È ricco di grassi saturi.
  • Non è una buona fonte di proteine.
  • Può contenere carragenina, che causa problemi di digestione in alcuni soggetti.

In conclusione, ora che hai scoperto quali sono le differenze tra latte di Mandorla, Soia, Riso e Cocco, puoi decidere come orientarti, scegliendo ciò che più si avvicina alle tue esigenze!

Commenti
Loading...